24/04/2020
UN Corso di Yoga online al tempo del Coronavirus: la collaborazione tra Il Melograno e Adei Wizo

Il Corso di Yoga de Il Melograno viene condiviso su scala nazionale e internazionale dall'Adei Wizo italiana. Per sostenere i soci e contribuire a rompere l'isolamento in questo periodo di emergenza Coronavirus la Presidenza nazionale dell'Associazione Donne Ebree d'Italia - nella persona di Susanna Sciaky - ha scelto di rilanciare l'iniziativa del Melograno. Il "Corso di Yoga online" è un audio-Corso curato dal Maestro Alessandro postato sul canale Youtube dell'associazione: è la continuazione del Corso di Yoga proposto da oramai 13 anni nella sede de Il Melograno Solidarietà Ambiente Cultura, in questo momento "in pausa" a causa dell'emergenza sanitaria. 
Di seguito l'articolo pubblicato da Giovanna Micaglio Benamozegh (Responsabile Comunicazione Adei Wizo-Italia e Responsabile Cultura Il Melograno) sulla rivista ebraica Moked, il Portale dell'Ebraismo Italiano. L'Adei Wizo (Women’s International Zionist Organization) fondata nel 1927,  attiva nel campo del volontariato sociale e culturale, è una Ong con sede in Israele e 50 federazioni in tutto il mondo, accreditata presso l'Onu e l'unione Europea. Conta 250 mila volontari. In Israele la WIZO gestisce  asili nido, scuole, centri di sostegno  per giovani disadattati, rifugi per donne maltrattate,  case per anziani.  Svolge attività di formazione e promozione sociale  della donna. I suoi servizi sono rivolti a tutti i cittadini in difficoltà, ebrei, cristiani, musulmani, beduini, drusi o circassi.
  LEGGI L'ARTICOLO

“Siamo senza fiato nel vedere quante siano le persone infettate e decedute in Italia a causa del virus
e ancora non si vede la fine di questo incubo, ma non bisogna fermarsi e anzi la nostra associazione deve moltiplicare gli sforzi per dare, per quanto possibile, risposte adeguate”. Così la Presidente
Nazionale Adei Wizo Susanna Sciaky che in questi giorni ha affrontato il tema Covid 19 con le varie
sezioni italiane. In questi giorni sono giunti alla presidenza italiana messaggi di solidarietà
provenienti dalle federazioni Wizo di tutto il mondo, allarmate nel vedere il nostro paese in cima alle
classifiche mondiali della pandemia. Il contagio colpisce persone di ogni età, soprattutto le persone
anziane e le misure restrittive, che sono assolutamente necessarie, hanno stravolto le nostre
abitudini, limitato al massimo i contatti sociali e di conseguenza portato all’isolamento chi vive solo.
Come una storica adeina ottantenne che afferma: “Mi sembra quasi di rivivere il periodo della guerra,
quando dovevamo stare rintanati nei rifugi senza poter uscire. Quest’anno per la prima volta non ho
potuto riunire tutta la famiglia per Pesach, è stato un gran dolore per me non poter rivedere figli e
nipoti.” Ascoltando le preoccupazioni di tante persone l’Adei Wizo ha provato a dare una risposta
adatta a questo tempo che rende ancora più vulnerabili soggetti già deboli come gli anziani, i
bambini, i disabili. Per “stare vicini, restando lontani” può essere utile un gesto semplice come una
telefonata: i Consigli Adei Wizo di Roma e Firenze ad esempio si sono attivati per chiamare le socie
per dialogare con loro; hanno scelto inoltre di mantenere i contatti tra le socie anche rilanciando l’uso
dei social network.
“Il Coronavirus non ferma l’Adei Wizo: abbiamo organizzato eventi fruibili online, stando a casa e
aperti a tutti” ha sottolineato la Presidente Sciaky. “Non vogliamo che l’isolamento, necessario per
contenere la pandemia, crei solitudine e senso di abbandono. E’ un altro modo per essere vicine alle
donne e per aiutarle a vivere l’ebraismo e l’impegno per Israele”.
Le federazioni Wizo in tutto il mondo fanno in questi giorni proposte online, dai temi di attualità, a
quelli religiosi, culturali o sul tempo libero: dalle videoconferenze sull’emergenza Covid 19 (Wizo
francese), agli incontri su Yom-Haatzmaut, ai dialoghi con artisti ebrei, alle gustose ricette in
conferenze su un tema quanto mai attuale “An apple a day keeps the doctor away” (USA Florida);
oppure simpatici videomessaggi per accompagnare la tradizionale preparazione della prima hallà
dopo Pesach (Wizo spagnola). La sede italiana propone un programma di videoconferenze come
“L’isolamento degli anziani ai tempi del Coronavirus “con la psicologa Michal Shealtiel Panzer, o il
Corso di Yoga in collaborazione con l’Associazione “Il Melograno Solidarietà Ambiente Cultura”
condiviso su whatsapp postato anche su Youtube e una campagna di raccolta fondi per continuare a
sostenere i progetti Wizo in Israele. In questo periodo la World Wizo ha dovuto chiudere
provvisoriamente alcuni progetti e ben 6.000 impiegati sono rimasti al momento senza lavoro. Grazie
ai volontari in Israele però restano attive iniziative come le linee telefoniche aperte 24 ore su 24 per
la prevenzione della violenza domestica. Non chiudono servizi Wizo in Israele come le strutture per
anziani, i rifugi per donne maltrattate e le loro famiglie, i centri di accoglienza per teenagers a rischio
e per i giovani senza fissa dimora. “Questa è la Wizo – ha dichiarato la Presidente mondiale Esther
Mor – un’organizzazione di eccellenza, dedizione e solidarietà. Il Covid 19 ha cambiato la nostra
vita, ma sono certa che insieme possiamo farcela e che torneremo gradualmente a vivere giorni
Menu Login »
23/4/2020 L'impegno Adei nell'emergenza - Moked
moked.it/blog/2020/04/23/limpegno-adei-nellemergenza/ 2/2
pieni di iniziative e di soddisfazioni”. L’Adei Wizo è concretamente vicina a quanti si sono ammalati di
Coronavirus e agli operatori sanitari, per questo partecipa alla sottoscrizione promossa da Unione
delle Comunità Ebraiche Italiane e Associazione Medici Ebrei (AME) per sostenere le strutture
assistenziali. I fondi saranno raccolti dall’AME e devoluti in particolare alle residenze per anziani e
alle strutture di ricovero che in questo periodo di emergenza sanitaria sono più in difficoltà. “Il mio
pensiero va ai molti che si sono ammalati e a chi tra questi non ce l’ha fatta” prosegue Sciaky. “La
cifra della Wizo è la sorellanza: una forza tutta femminile. Insieme, con amore e coraggio,
supereremo questa fase per rilanciare, più forti di prima, l’impegno a favore delle donne, bambini e di
chi è in difficoltà”.
Giovanna Micaglio Ben Amozegh, Adei Wizo