Formello 25/02/2012
FORMELLO MIRA AL CUORE : COME PREVENIRE L'ARRESTO CARDIACO
Emozione in sala, il pubblico ha trattenuto il respiro quando i volontari della Croce Rossa (comitato di Formello) hanno simulato alcuni interventi di emergenza su alcuni pazienti, utilizzando dei manichini.

 I volontari hanno mostrato a tutti come comportarsi in caso di emergenza: quello che conta è un rapido intervento con il massaggio cardiaco (rianimazione cardiopolmonare- RCP) ed un  defibrillatore semiautomatico esterno (DAE) a portata di mano. L’intervento deve essere immediato, entro i 5/6 minuti in attesa dei soccorsi specializzati, altrimenti se la vittima sopravvive, può riportare danni cerebrali. Si è parlato di questo  sabato 25 febbraio 2012 a Formello nel convegno “Formello Mira al Cuore”. All'incontro, nato da un'idea di Donatella Vinotti titolare di DOVIMED, promosso con entusiamo dall’associazione “Il Melograno” e patrocinato dalla BCC di Formello e Trevignano, hanno partecipato esperti quali il professor Giuliano Altamura primario cardiologo dell’ospedale S.Pertini e presidente dell’associazione “Insieme per il Cuore”, Sandro Scatena medico di base di Formello e Francesco De Bella medico della CRI per parlare dell’arresto cardiaco e delle tecniche di intervento -BLSD. A moderare l'incontro Giovan Battista Brunori, giornalista del Tg2 e presidente de Il Melograno. L’arresto cardiaco è un evento che colpisce 70.000 persone ogni anno solo in Italia senza distinzione di età sesso o razza. E’ improvviso, asintomatico, spesso il campanello d’allarme di una grave patologia fino allora sconosciuta. Finora considerato una  semplice fatalità,  oggi, grazie ad una legge del 2001, anche personale non sanitario può fare qualcosa per tentare di salvare la vittima.  Questi i motivi per cui, malgrado non esistano ancora normative specifiche che prevedano la presenza capillare di Defibrillatori in tutti i luoghi molto frequentati, è estremamente importante informare la popolazione che di arresto cardiaco si può sopravvivere, che ognuno di noi può fare qualcosa e che i DAE sono fondamentali per salvare una vita. Visto il successo di pubblico il presidente della BCC Gino Polidori ha espresso il desiderio che “Il Melograno” organizzi un altro incontro a carattere medico.  Da più parti sono giunte all'associazione il Melograno richieste di organizzare il convegno in altri comuni.